Collezione

    L'esposizione è ordinata cronologicamente ed è introdotta dalla collezione del fondatore del Museo, Mons. Antonio Cappelli, formata da opere che vennero acquistate presumibilmente a Siena e nel Senese (sale 24-26/1). Tra queste si segnalano molti pezzi di qualità, fra cui i due santi, superstiti di un polittico, attribuiti a Sano di Pietro e al Maestro dell'Osservanza (metà sec.XV), e la Santa Cecilia di Berardino Mei.
    Di grande valore è la collezione delle opere provenienti dalle chiese della Diocesi, (sale 26/2-29) attribuibili in massima parte ad artisti senesi operanti per il centro maremmano. Si ricordano il Giudizio Finale del XIII secolo già nella Chiesa di San'Leonardo e attribuito a Guido da Siena e bottega, il Cristo in Pietà di Pietro di Domenico (fine sec. XV), la Madonna di Girolamo di Benvenuto (inizio sec.XVI), la Madonna delle Ciliege del Sassetta (metà sec. XV) proveniente dalla Cattedrale di San'Lorenzo, ma anche i frammenti della decorazione scultorea esterna della stessa Cattedrale (Agostino di Giovanni, XIV sec.) e gli angeli di marmo (G.A. e B. Mazzuoli, 1708) in origine posti a decorare l' altare della Madonna delle Grazie, smontato nel corso dei restauri del Duomo alla fine dell'800. Da altri altari non più esistenti proviene la grande pala della Madonna del Carmine del pistoiese Giacinto Gimignani (1648) e la Madonna col Bambino e i quattro santi protettori di Grosseto di Ilario Casolani (1630), con una veduta della città entro le mura medicee. 
    Il Museo Diocesano raccoglie anche oggetti liturgici, oreficerie, parati, codici miniati, testimonianze del culto popolare (sale 30-35).


A.M.E.I. Sede legale Pisa, P.zza Duomo n.17 - sede operativa: C/O Museo Diocesano Tridentino, P.zza Duomo 18, 38122 TRENTO
Tel.:0461 234419 / Fax: 0461 260133 / Email: info@amei.info
Copyright 2010 - A.M.E.I. Associazione Musei Ecclesiastici Italiani- tutti i diritti riservati